Outlook Exxon. Sguardo al 2040

Fonti, risparmio, efficienza per l’energia
18 Dicembre 2012

Allegati:

AnteprimaAllegatoDimensione
exxon_energy_outlook-2040.pdf4.81 MB

Exxon pubblica il suo Outlook for Energy e analizza lo scenario al 2040. Cosa ci aspetta?

La risposta a questa domanda, ovviamente, dipende da regione a regione e riflette le diverse tendenze economiche e demografiche, così come l’evoluzione della tecnologia e le politiche poste in essere. Ciò nonostante ovunque assisteremo a un uso più efficiente dell’energia; impareremo a rispondere ai nostri bisogni energetici ricorrendo a sempre nuove tecnologie e nuove fonti.

In generale, Exxon vede una crescita dei consumi energetici molto significativa. Nel 2040 la domanda sarà superiore del 30% rispetto al 2010. Un incremento dovuto alla crescita demografica - il pianeta arriverà ad ospitare 9 miliardi di persone - al miglioramento delle condizioni di vita e alla crescita economica.  

Nei paesi ad economia matura, cioè i paesi OECD,  vedremo i consumi energetici restare sostanzialmente stabili, anche considerando la ripresa economica e un ulteriore miglioramento degli standard della qualità della vita.  Nei paesi al di fuori dell’OECD la domanda di energia invece crescerà del 60% circa. In particolare, il dragone cinese continuerà a far lievitare i consumi di energia per almeno altri due decenni, per poi gradualmente rallentare.

Entro il 2040, l'energia elettrica coprirà il 40% dei consumi globali di energia.

L’uso del carbone raggiungerà un picco e poi si avvierà in un graduale declino, dovuto in parte alle politiche di riduzione delle emissioni.

Petrolio, gas e carbone continueranno ad essere i combustibili più utilizzati e supporteranno la domanda globale, coprendo circa l’80% dei consumi energetici nel 2040. Il gas naturale crescerà tanto in fretta da superare il carbone in classifica (2025), subito dopo il petrolio. La crescita di domanda per il gas naturale salirà fino al 60%  entro il 2040. Sia per il petrolio sia per il gas naturale, saranno fondamentali le riserve unconventional: scisti, acque profonde, sabbie bituminose...

Rinnovabili e nucleare invece cresceranno in maniera significativa. Exxon, grazie a strategie per l’efficienza e all’evoluzione tecnologica, vede dei buoni risultati anche sul fornte delle emissioni.

Condividi: