L'industria della luce salvata dai sindaci?

Scenari globali
07 Maggio 2014

Per l'industria della luce si è trattato di anni senza dubbio difficili.

Ma l’andamento dell’industria dell’illuminazione, fuori dal macrosistema arredamento, registra invece delle performance nettamente più positive rispetto a quelle dell’arredamento nel suo complesso, che ha registrato un crollo del fatturato del 10,5% e ha sofferto a causa di una flessione nei consumi interni pari al 19,4%
 

A trainare i conti dell’industria italiana della luce è certo l'export, ma la novità potrebbe essere l'efficienza energetica che centinaia di Comuni si propongono di raggiungere rinnovando gli impianti e le tecnologie di illuminazione.

Per quanto riguarda le esportazioni: nel 2012 sono cresciute dell’1,1%; il più deciso calo dell’import (-3%) ha permesso di mantenere positiva la bilancia commerciale, aumentata del 4,6% rispetto al 2011.

Oggi l’export rappresenta il 6,9% del fatturato complessivo del settore: una percentuale destinata ad aumentare poiché negli obiettivi della maggior parte delle aziende italiane dell’illuminazione c’è l’espansione sui mercati internazionali, sopratutto in Europa e Nord America e in Russia che è tornata ad essere una delle piazze migliori.

E in Italia? 

Nel nostro Paese ci saranno certamente ricadute positive dalle politiche di efficienza energetica, stimolate dall’Unione europea e che raggiungeranno migliaia di Comuni che vogliano mettersi a nuovo con Piani urbani della Luce che tengano conto del risparmio energetico oggi possibile, ma anche della enorme innovazione tecnologica raggiunta dall’industria illuminotecnica.

Ricadute che potrebbero essere ancora più positive per tutti gli attori coinvolti, se dovesse esserci finalmente una revisione delle tante leggi regionali, che finora hanno prodotto  un quadro normativo frammentato, parcellizzato e spesso incoerente e che, invece potrebbero indicare standard nazionali coerenti e uniformi, in grado di favorire lo sviluppo dell’industria illuminotecnica.

Al Festival dell'Energia se ne parlerà venerdì 16 maggio dalle ore 13.00 alle 14.30, al Light Lunch organizzato da FederUtility con i rappresentanti istituzionali di Regioni e Comuni, e delle associazioni dei light designers, della distribuzione e dei produttori.

 

Condividi: