Sopot, Polonia. Al via l'VIII edizione dell'Energy Forum

Scenari globali
04 Dicembre 2013

Aprirà il 16 dicembre prossimo l'Energy Forum di Sopot, evento, tra i più significativi per il settore nell'Europa centrale, giunto ormai alla sua VIII edizione. 
Organizzato dall'Institute for Eastern Studies di Varsavia, il Forum è sostenuto da Energa Group e da partner internazionali come Areva, Alstom, Lotos Group. 

L’Energy Forum di quest’anno si focalizzerà sulla regolazione del settore energetico, sulla sicurezza, sulle prospettive dello sviluppo dell’energia nucleare, sulle modalità per finanziare lo sviluppo di un sistema di produzione sostenibile, incentrato sulle rinnovabili, sulla collaborazione con l’Europa centrale e l’Europa dell’Est e sulla necessità di velocizzare il processo di interconnessione tra le infrastrutture energetiche in Europa per consentire un reale sviluppo del mercato energetico europeo. 

Tre i macro temi previsti quest'anno intorno a cui si organizzeranno i diversi dibattiti che vedranno protagonisti personalità centrali del mondo energetico: "Estrazione, trasporto e lavorazione degli idrocarburi", "Produzione e distribuzione di enegia elettrica", "Rinnovabili, politiche per il clima, ecologia e protezione dell'ambiente". 
Particolare risalto sarà dato al tema dello shale gas in Europa centrale: la presenza di importanti giacimenti proprio in Polonia potrebbe aprire importanti prospettive per il continente, in particolare sul fronte della sicurezza energetica, ma molte sono le criticità ancora da affrontare in quest'ottica. Altrettanto spazio verrà riservato alla liberalizzazione del mercato del gas, e al "Fattore Russia".

Sul fronte delle rinnovabili, il perno della discussione sarà l'integrazione del loro contributo all'interno dei sistemi energetici nazionali, cercando di conciliare da un lato la necessità di produzione stabile e continuativa e dall'altra la volatilità della produzione rinnovabile. Quale contributo possa venire per ciascun paese dall'energia nucleare è un altro dei temi caldi che verranno discussi a Sopot.  


 

Condividi: