Edizione 2015

Archivio Festival
30 Aprile 2015

Per il 2015, il Festival dell’Energia sceglie di continuare la sua collaborazione con Milano, sede dell’Expo, città in trasformazione, cantiere di innovazione urbana e smart. Una collaborazione che nasce dalla constatazione dell’esigenza di una riflessione comune che abbracci un ampio spettro di temi tra loro interconnessi. Per queste ragioni, la cornice scelta per questa edizione del Festival dell’Energia, Energia per il pianeta terra, riprende il tema centrale di EXPO 2015, sottolineandone un’accezione diversa.

Il Festival dell’Energia, inoltre, è inserito nel ricco calendario di eventi Expo in città.

All’interno di questa cornice, Energia per il pianeta terra, l’ottava edizione del Festival propone un palinsesto di incontri e dibattiti - articolato nei consolidati format della tavola rotonda e del workshop e in quelli più partecipativi dei laboratori aperti e degli happening - per indagare le profonde trasformazioni che il mondo dell’energia sta attraversando.

Che si guardi alle fonti fossili o a quelle rinnovabili; che si affronti il tema dal punto di vista geopolitico o tecnologico: quello che abbiamo sotto gli occhi è uno scenario in rapida evoluzione. Governare questa trasformazione imprimendole una direzione chiara e condivisa, nel solco dello sviluppo sostenibile, dal punto di vista ambientale, economico e sociale, è ciò che sono chiamati a fare istituzioni, imprese e stakeholders a livello locale, nazionale e sovranazionale. Raccontare queste trasformazioni e questo sforzo è quanto tenta di fare questa edizione del Festival che dall’Expo, e dalla Carta di Milano sull’alimentazione, guarda alla COOP di Parigi e al nuovo possibile Patto sul clima che sarà siglato in quella sede.

Alla collaborazione con Politecnico di Milano si aggiunge quest’anno quella con la Fondazione AEM, che ospiterà diversi momenti di dibattito all’interno della Casa dell’Energia

Tra le novità di quest’anno, la realizzazione di un appuntamento di formazione per i giornalisti, organizzato in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti e con UGIS, Unione Giornalisti Italiani Scientifici. La mattinata di approfondimento garantirà il conseguimento di crediti formativi per i giornalisti. Un impegno ulteriore, quello di cui il Festival si fa carico con questa edizione, nella direzione di  quanto fin dalla prima edizione promosso: la creazione di una cultura diffusa, scientificamente seria e laica sui temi dell’energia, contro ogni luogo comune e pregiudizio.

Condividi: